Una nuova sostanza trovata all’interno di un diamante potrebbe rivelarci preziose informazioni sulle reazioni chimiche che avvengono nelle profondità del mantello. Un luogo che conosciamo ancora pochissimo.

La scoperta è avvenuta all’interno di un diamante raccolto in un sito chiamato pipa Koffiefontein, in Sudafrica. Dentro la preziosa pietra gli scienziati hanno trovato un minerale verde scuro ed opaco, formatosi a 170 chilometri sotto la superficie.

Il mantello della Terra ha uno spessore di circa 2.900 chilometri. In questi luoghi l’intensa pressione e il calore trasformano i depositi di carbonio in diamanti scintillanti. Il processo può “intrappolare” però altri minerali.

Ed è proprio grazie a questi minerali intrappolati che gli scienziati possono osservare i processi che si verificano nel mantello. La nuova scoperta è stata chiamata goldschmidtite e, nonostante il luogo di origine, ha una composizione chimica peculiare.

La goldschmidtite ha alte concentrazioni di niobio, potassio ed elementi come il lantanio ed il cerio, mentre il resto del mantello è dominato da altri elementi, come il magnesio ed il ferro“, scrive Nicole Meyer, coautrice dello studio e dottoranda presso L’Università dell’Alberta in Canada.

Insomma, si tratta di un materiale insolito da trovare anche all’interno del mantello, una scoperta che mette in evidenza la poca conoscenza che abbiamo (per adesso) del nostro pianeta.



Source link